LOC or LCO? WHAT'S THE DIFFERENCE?

October 27, 2016

Finding a good hair routine that suits your hair needs is never easy.
How many of you wake up in the morning with dry and tangled hair, even though you spent most of the previous day doing pre-poos, deep conditioning and nearly drowning yourself with water?
We try our best to take care of our hair and to use the best products on our curls, but if we don't spend time in properly sealing the products in our kinky curls, our hair won't keep any moisture, resulting in unruly and very disappointing dry strands. Now that autumn has begun, my hair definitely need even more TLC and attention than usual. The English weather is NO JOKE so I tend to change and use heavier sealing products on my hair when it gets cold.
My high porosity 4B hair means that the best way to maintain moisturise and hydration is to create different layers of products and hope for the best. That's when I first met the LOC method.
LOC is the acronym used to describe the order of product application on your hair. The first step is L= Liquid, then O=Oil and at the end you will use C= Cream (or Butter). My hair health definitely improved since I introduced this method and I was quite pleased with the growth. I know many naturals who swear by this method and I was one of them until I found out about the LCO method. LCO is a very similar method. The only difference will be the order in which you apply the products: this time you will use creams or butters as the second step and seal with oil. 
Everytime that the temperature start to drop, I find myself prefering the LCO method over the LOC. 
Why does the LCO method works best for me during winter time than the LOC?
The porosity of my hair, the brutal London weather and the use of winter hats or scarves are few of the reasons why I need to switch it up and change things for my curls. I'll explain better: the high porosity of my afro hair makes it easier for my strand to gain and loose hydration, just like sponges. The London weather is nonsense and cannot be stable for more than 5 minutes. Wool hats and scarves dry my kinky curls. With all these new factors I need a hair routine that can help me out. Due to the hydrophobic property of the oil, any cream or butter applied after the oil will not be properly absorbed by your hair. The cream will "seat" on top of your hair which will feel greasy and heavy. If I use the oil as the last product on my curls, the oil will trap all the nutrient and won't allow any moisture and hydration to escape.
Having said that, every head is different. My hair love switching methods between season. During summer, I do take more showers and so hydrate more my curls without needing any extra care.
What about you? What method do you prefer for your curly hair: LCO or LCO? 


Quante di voi ogni mattina si svegliano con ricci secchi e sfibrati, nonostante abbiate passato la serata ad imbrattarvi i capelli con creme e olii miracolosi?
Cerchiamo sempre di utilizzare i prodotti migliori e di prenderci cura dei nostri ricci, ma se non focalizziamo l'attenzione nell'intrappolare l'idratazione nei nostri capelli, perderemo solo del tempo. Adesso che la stagione autunnale è iniziata, i miei capelli hanno bisogno di più coccole e d'attenzione. Il tempo londinese non scherza e, di conseguenza, i miei ricci hanno bisogno di prodotti più pesanti ed idratanti per questa nuova stagione. Avendo capelli di tipo 4b e altamente porosi, il modo migliore per affrontare la discesa delle temperature è quello di creare strati di prodotto sulle mie ciocche per evitare la fuoriuscita di idratazione e principi nutritivi dai miei capelli. Per molto tempo mi sono sforzata nel provare metodi per nutrire ed idratare i miei ricci con diversi metodi. L'unico metodo che mi ha vagamente soddisfatto è stato il metodo LOC. LOC è l'acronimo utilizzato per descrivere l'ordine con il quale si applicano i prodotti sui nostri ricci per mantenere l'idratazione il più a lungo possibile. L= Liquido, O=Olio e C=Crema (o Burro). Da quando ho introdotto questo metodo nella mia routine giornaliera, ho sicuramente migliorato i miei capelli e, come risultato, i miei ricci sono cresciuti tantissimo.
Molto spesso si parla solo ed esclusivamente del metodo LOC, ma non si parla mai del metodo LCO. L'unica differenza tra LOC ed LCO è l'ordine con la quale applicherete i prodotti. Si spruzzano i capelli con un liquido (solitamente acqua), in seguito si applicano crema o burro a piacimento (i miei ricci amano il burro di karitè) ed alla fine si utilizza l'olio per intrappolare tutti prodotti nel fusto del capello e mantenerli nutriti più a lungo.
Come mai il metodo LCO funziona meglio per me durante i periodi autunnali/invernali?
Semplice! La porosità dei miei capelli, il tempo assurdo Londinese e l'utilizzo di berretti invernali sono i principali motivi per la quale devo cambiare la mia hair routine quando inizia a fare più freddo. Mi spiego meglio: i miei afro ricci sono altamente porosi quindi assorbono e perdono molto facilmente idratazione e nutrizione, un po' come le spugne. Il tempo Londinese è altamente instabile e pieno di acquazzoni di pochi minuti durante i mesi più freddi. Quando le temperature scendono, naturalmente si usano più spesso cappellini e sciarpe per proteggerci dagli attacchi di freddo. Molto spesso il materiale di cui sono fatte queste sciarpe e cappelli è lana o cotone, due materiali che rubano idratazione ai nostri riccioli quando sono a stretto contatto anche per poco tempo. 
Con tutti questi nuovi elementi durante il periodo autunnale/invernale, è normale che bisogni trovare metodi alternativi per mantenere i nostri riccioli il più sani possibili. Grazie alla proprietà idrofobica dell'olio, se si utilizza l'olio prima di aggiungere liquidi o creme, l'olio impedirà la corretta entrata di qualsiasi prodotto. Molto probabilmente le vostre creme rimarranno "sedute" sui vostri sui capelli e non penetreranno in profondità, rendendo i vostri capelli secchi e sporchi. Applicare l'olio come ultimo step aiuta a sfruttare l'effetto idrofobico dell'olio, intrappolando l'idratazione all'INTERNO del capello.
Detto questo, ogni testa è diversa. Come ho già detto, i miei capelli adorano il metodo LOC durante l'estate, probabilmente per il numero assurdo di doccie che mi faccio durante la giornata. Le doccie aiutano ad idratare giornalmente i miei capelli, evitando quindi capelli secchi e sfibrati.
E voi? Quale metodo preferite: LCO o LOC? Fatemi sapere nei commenti!

AVIELA'S OIL TREATMENT on 4B HAIR || REVIEW

October 12, 2016
I've neglected my hair for far too long and I had to do something about it. As soon as I had my day off, I wanted to take care of my curls so I've decided to add the Aviela's Nourishing Shea Butter Oil Treatment as a deep conditioner to my normal routine. Keep reading to find out the few products that I've used to achieve amazing results.
Nell'ultimo periodo sono stata piuttosto occupata a lavoro e non ho avuto la possibilità di prendermi cura dei miei ricci. Appena ho avuto un attimo di respiro ho deciso  di dedicare la mia giornata ai miei ricci. Ho aggiunto l'olio al burro di karitè della linea inglese Aviela come impacco prima di lavarmi i capelli. Continuate a leggere per scoprire i prodotti ed il procedimento che ho utilizzato.

PRODUCTS I'VE USED | PRODOTTI UTILIZZATI
1. Aviela Healthy Hair Nourishing Shea Butter Oil Treatment | Trattamento olio al burro di karitè
2. Palmer Curl Repair Moisture Conditioner | Balsamo Nutriente
3. ORS Argan Oil | Olio d'Argan
4. ORS Castor Oil | Olio di Ricino

WHAT I DID | PROCEDIMENTO
1| Apply a generous amount of Aviela Shea Butter Oil Treatment on your curls, especially on your ends. In my opinion, the oil works better if you lightly worm it up before applying it so that it can penetrate and moisturise more easily your hair.
Applicate una dose generosa del trattamento olio al Burro di Karitè sui vostri capelli, specialmente sulle punte. A mio parere, l'olio funziona meglio se riscaldato prima di essere applicato sui capelli come impacco. I capelli assorbiranno più facilmente il prodotto e i vostri ricciolini vi ringrazieranno.

2| Once you finish applying the oil, cover your head with a plastic cap or bag like I did. Make sure to leave the oil for at least 20 minutes (I left it for one hour since my hair were extremely dry and tangled) before rinsing.
Una volta che avete finito di applicare l'olio, copritevi la testa una cuffia o sacchetto di plastica come ho fatto io. Fate in modo di lasciare in posa il prodotto per almeno 20 minuti (io ho fatto passare un'oretta perché i miei capelli erano estremamente danneggati e pieni di nodi).

3| Rinse the product with warm water, apply your favourite conditioner and complete the process by rinsing with cold water to cute the cuticles. As you can see from the picture, the shrinkage is REAL!
Risciacquate i capelli con acqua tiepida non troppo calda, proseguite con il vostro balsamo di fiducia e finite il procedimento con acqua fredda per chiudere le cuticole. Questo ultimo passaggio è molto importante per non far scappare l'idratazione dai vostri capelli e mantenere i capelli idratati più a lungo.

4| You can style your hair as you please. I usually add castor and argan oil to my hair and do medium size braids. It's an easy and relatively quick style for me and helps me to retain some hair length (thanks, shrinkage!). I took the picture above after I've unraveled my dry plaits.
Dopo il lavaggio, potete sbizzarrirvi e scegliere la pettinatura protettiva più adatta al vostro tipo di capelli. Io solitamente aggiungo olio di ricino e d'argan sui capelli e poi faccio treccine di media grandezza e faccio asciugare il tutto senza uso di phon. E' il metodo relativamente più veloce ed efficace per evitare nodi e mantenere una certa lunghezza del capello. Il risultato che potete vedere nella foto l'ho ottenuto sciogliendo le treccine quando erano asciutte.

5| Few weeks ago I've trimmed my hair. I really needed a trim and I'm quite please to see that my hair are finally behaving again. I nearly cried after seeing that most of my ends were THAT defined.
Qualche settimana fa ho dato una spuntatina ai miei capelli. Le mie punte erano sfribate ed arrivate al capolinea. Mi sono quasi messa a piangere dalla felicità a scoprire che quasi tutte le mie punte erano belle definite e sane! 

6| After fluffing and separating the strands, this is the final results. I hope you enjoyed this hairstyle and will use it for your kinky curls. Is not easy to find great products and hair ruotines for my 4b hair but I think I'm getting better and better each time. Never be discouraged and keep trying until you find what works for you.
Dopo aver separato le ciocche e aver creato del volume alle radici con un pettine, ecco il risultato finale. Spero che questo procedimento vi sia piaciuto e che vi possa aiutare. Non è facile trovare una routine e prodotti per i miei capelli 4b che mi soddisfi. Questa di oggi è stata un successo e la replicherò sicuramente. Continuate a sperimentare con i vostri capelli finchè non trovate quello che è meglio per voi.


Which hair routine and products work best for your hair? Let me know in the comments below! | Quale prodotti e regime giornaliero utilizzate per i vostri capelli? Fatemi sapere nei commenti!

THREE ALTERNATIVES TO SHAMPOO FOR NATURALS

October 08, 2016

If you are used to chemically relax your hair, you are probably used to wash your hair with shampoo and conditioner. Quite easy, right? Shampoo has the function of cleansing your hair and scalp from build up and dirt, while the  conditioner need to replenish all the nutrient lost during the week. When I was still a newby in the afro hair massive world, I often found my scalp to be greasy, dirty, full of knots and oftentimes daindruff even after coming out of the shower.
I thought I just had to give some time to my curls and let them be (SPOILER ALERT: wrong decision!). I kept washing my hair as usual, but nothing seemed to change. I was frustrated and even thinking of starting with the creamy crack again.
Thankfully, I did a quick research online and I found out that the most naturals don't really use shampoo at all. I have finally discovered the co-wash, the solution to most of my hair problems. Even if I was slightly skeptical, I gave it a try and amazed by the beautiful result. My hair felt clean, my scalp wasn't itchy anymore, my curls were significantly more defined. After founding the Holy Grail for my 4b hair, I wanted to understand why my hair got better after cutting shampoo from my daily routine.
Majority of the time, shampoo who can be easily find in supermarkets are filled with silicones, petroleum, perfums, alcohol, sulfates and surfactants. These ingredients are used to enhance the product shelf life, consistency or smell but since they are not natural, they will strip our hair from good nutrients and natural oils, weigh them down or create a thin coat such as build up. The common symptoms are chronically dry and dirty curls, oily scalp, difficulty on holding an hairstyle, frizziness and plenty of knots. If you've noticed any of this symptoms, check out three easy solutions to substitute shampoo in your daily hair life.

SHAMPOO & SOAP BARS
Shampoo bars are usually found in a solid form, very long lasting and delicate for our skins. The most famous and helpful soap bar to properly clean our scalps is the Dudu Osun Black soap, full of natural ingredients and herbs. All you need to do is to damp your hair, rub the bar on your scalp, massage for few minutes to stimulate hair growth and the cleaning properties, distribute on the rest of the strands and rinse with luke warm water.

BICARBONATE OF SODA & APPLE CIDER VINEGAR
Bicarbonate of soda is a natural cleaner and, mixed with apple cider vinegar, creates a bubbly combination, perfect to replace the shampoo bubbles. Apply one tablespoon or more (depending on your hair length) on your scalp. You can either massage and rinse the paste or add the apple cider vinegar to create some bubbles and rinse after that.


SHAMPOO EVERYTHING-FREE
You don't have to avoid shampoo altogether. Having natural shampoo with no chemicals will safeguard the health of your curls.
I hope these methods can be helpful and save you from damaged, tangled and chronically dry curls. Let me know what is your favoutire method or if I missed something in the comments below!


Se hai capelli stirati chimicamente o lisci di natura, ti sarai sicuramente abituata a lavarti i capelli prima con shampoo e poi con il balsamo. Nulla di più di più, nulla di meno.
Lo shampoo aiuta ad eliminare qualsiasi residuo di sporco sui capelli ed il balsamo serve ad ammorbidire e ristabilire i principi nutritivi che abbiamo tolto facendo lo shampoo. Alle prime armi con i miei capelli afro naturali, trovavo la mia cute grassa, oleosa e con la perenne presenza di forfora. Pensavo la situazione sarebbe migliorata con il tempo ed ho continuato ad utilizzare shampoo e balsamo come avevo sempre fatto. Il risultato, come avrete già capito, non migliorò. I miei capelli erano estremamente secchi, pieni di nodi e senza particolare forma anche dopo essere appena uscita dalla doccia.
Ero completamente demotivata e pensavo seriamente di ricominciare a stirarmi chimicamente i capelli. Fortunatamente non mi sono arresa ed ho fatto un paio di ricerche per capire quale potesse essere il problema. Grazie ad una veloce ricerca, ho scoperto che la differenza nella routine di una nappy e di una stirata è la mancanza dello shampoo.
Dopo aver scoperto questo nuovo metodo chiamato cowash, l'ho subito provato ed ho lasciato perdere lo shampoo.  Il risultato è stato fantastico: capelli puliti e soffici, molto più definiti anche solo dal primo lavaggio. Con il tempo ho fatto più ricerche ed ho scoperto il motivo per il quale noi ragazze naturali cerchiamo di evitare lo shampoo sui nostri ricci.
La maggior parte degli shampoo presente nei supermercati hanno conservanti, siliconi, petrolio, tensioattivi, profumi, alcohol e solfati nella lista degli ingredienti. Questi elementi vengono utilizzati per allungare la durata del prodotto, la sua efficacia come detergente, la consistenza o il profumo ma, non essendo naturali, strappano i nostri capelli degli olii naturali già presenti rendendoli incredibilmente secchi, li appesantiscono e formano una pellicola che non permette al capello di respirare ed assorbire in modo corretto. I sintomi più comuni dell'uso di shampoo con elementi chimici sono capelli opachi e spenti, senza particolare forma, non completamente puliti dopo i lavaggi e di nuovo sporchi dopo pochi giorni, difficoltà nel mantenere acconciature e capelli che si spezzano e nodificano più facilmente.
Se avete notato alcuni sintomi sui vostri capelli, perchè non provare metodi alternativi allo shampoo?

UTILIZZARE BARRE DI SHAMPOO & SAPONE
Barre di shampoo si presentano comunemente in forma solida, molto simili a barrette di sapone con la quale siamo soliti lavarci le mani. Queste barre sono piene di olii essenziali e dal profumo inebriante. Per utilizzarle, bagnate leggermente i capelli, sfregate la barra sul cuoio capelluto e distribuite uniformemente sul capello. Sciacquate con acqua tiepida ed applicate il vostro balsamo preferito. Se volete utilizzare saponi adatti per la vostra cute, il sapone di castiglia è un sapone di ottima qualità contenente olio d'oliva, un'ottimo alleato per capelli ricci ed afro ricci. La modalità di applicazione è la stessa di una comune barra di shampoo.

BICARBONATO DI SODIO & ACETO DI MELE
Una volta bagnati i capelli, preparate un cucchiaino o cucchiaio di bicarbonato di soda sui vostri capelli (cucchiaino per capelli corti e sottili, cucchiaio per capelli più folti e lunghi). Applicate sulla cute e sciacquate con aceto di mele per chiudere le cuticole e promuovere la lucentezza dei vostri capelli.

BIO SHAMPOO
Non bisogna per forza rinunciare a comprare lo shampoo se ci si affida al mondo bio. Scegliete shampoo senza fattori chimici e potrete godervi uno shampoo ideale per i vostri riccioli.
Spero questi consigli vi siano d'aiuto! Fatemi sapere quali sono i vostri metodi preferiti per sostituire lo shampoo nei commenti!

COME DISTRICARE UNA MATASSA DI CAPELLI AFRO NATURALI

October 04, 2016
CURA PRE-NODO
Se la mattina venite svegliate dal cinguettìo di uccellini che hanno scambiato la vostra testa per un nido, mi sa che sia arrivato il momento di districare e lavare i vostri capelli. Uno step che sto trovando molto utile prima di districare i miei capelli è quello di fare un impacco naturale da applicare per almeno mezz'oretta sui ricci prima del lavaggio. Alcuni esempi di impacchi naturali che ho provato e mi sono stati piuttosto utili potete leggerli qui o qui.

Nel mio percorso nappy, ho incontrato principalmente 3 diversi metodi di districamento per eliminare nodi e per preparare i capelli al lavaggio.

CAPELLI UMIDI + BALSAMO
Questo è uno dei miei metodi preferiti quando non ho tempo per un impacco pre shampoo. Dividete la vostra testa in 6-8 sezioni; su capelli asciutti o leggermente bagnati applicate una dose generosa del vostro balsamo preferito ed iniziate a districare i vostri capelli partendo dalle punte. PRO: il balsamo applicato sui vostri ricci vi permetterà di poter districare qualsiasi nodo piuttosto facilmente e senza strappare nessun capello. Potete utilizzare tranquillamente pettini e i vostri capelli assorbiranno tutte le proprietà nutritive del balsamo, diventando più morbidi e sani.  CONTRO: Non sempre i particolari balsami che abbiamo a casa hanno una consistenza tale da far "scivolare" il pettine tra i ricci e questo aiuta solamente a creare più nodi.

CAPELLI UMIDI + OLII NATURALI
Questo metodo è molto simile al precedente ma con un piccolo twist: invece che utilizzare del balsamo, utilizzerete il vostro olio naturale di fiducia. Io utilizzo questo metodo soprattutto d'inverno, quando i miei capelli hanno bisogno di qualche accorgimento in più rispetto al solito. Dopo aver diviso in sezioni la testa, mettete 2/3 d'acqua ed 1/3 d'olio in una bottiglietta spray ed applicate sui capelli. Se avete bisogno di più olio perché avete più nodi, versate un po' d'olio sul palmo della mano e spalmate sulla lunghezza della ciocca. Gli olii naturali più conosciuti ed utili che vi consiglio di provare sono l'olio di cocco, d'oliva, ricino, avocado, jojoba, mandorla, vinacciolo o semi di melograno. Il mix di acqua ed olio creerà le condizioni perfette per ammorbidire il capello, permettendo la facile rimozione dei nodi. Questo è l'unico metodo che permette quasi sempre di pettinare i capelli dalla radice alla punta. PRO: I nostri capelli nappy amano gli olii naturali e la presenza di olio permetterà ai vostri capelli di essere nutriti, rinforzati, con meno nodi e più disciplinati anche dopo il lavaggio. CONTRO: Alcuni particolari tipi di capelli nappy non amano gli olii perchè li appesantiscono.

CAPELLI COMPLETAMENTE ASCIUTTI
Questo metodo è consigliato per i più temerari. Può essere molto utile per tutte le nappy con capelli 4b-4c, gravemente affetti dall'effetto shrinkage dopo essere stati a contatto con l'acqua che quindi non vogliono utilizzare i due metodi sopraelencati. Come sempre dividete i capelli dalle 6 alle 8 sezioni e, utilizzando le vostre dita, eliminate tutti i possibili nodi presenti sulla lunghezza dei vostri ricci. Quando trovate un nodo, prendete il nodo con l'indice ed il pollice di una mano e gentilmente tirate uno alla volta i capelli incastrati nel nodo finchè non vi rimarrà il nodo nel pollice ed indice. Una volta che la ciocca non presenta più nessun nodo, basta twistare o intrecciare la ciocca districata e passare alla prossima ciocca. PRO: Questo particolare metodo di districamento è una buona occasione anche per dare una spuntatina alle punte secche dei capelli. E' il metodo ideale per chi non ama utilizzare spazzole e pettini perchè si ritrova con capelli che si spezzano mooooolto facilmente. CONTRO: Questo metodo richiede una quantità abbondante di tempo libero a disposizione che la maggior parte di noi nappy non ha. Se poi siete come me, vi consiglio caldamente di utilizzare uno dei primi due metodi.

CURA POST-NODO

Adesso che avete trovato il vostro metodo d'attacco preferito contro i nodi, dovete essere sicure di sapervi prendere cura dei vostri capelli quando i nodi non ci sono più.
Ecco elencati alcuni accorgimenti più importanti da ricordarsi quando si ha a che fare con capelli nappy.

ACCONCIATURE
Cercate di non avere i capelli sciolti 24 ore su 24 ma di utilizzare anche acconciature protettive per evitare la formazione di nodi giganti. Treccine o twist appena finite di lavarvi i capelli sono l'ideale per avere capelli definiti appena asciutti.

ATTREZZATURA NAPPY 
Sbarazzatevi di spazzole e pettini a denti fitti o fittissimi. Il capello afro naturale è estremamente sensibile e fragile. Utilizzate spazzole con denti larghi e preferibilmente in legno per evitare di strappare capelli perfettamente sani. Inoltre lo sfregamento della vostra testa contro il cuscino molto spesso provoca i peggio nodi: siate sicure di avvolgere i vostri capelli in un foulard di seta o di usare una fodera in seta o raso durante la notte.

METODOLOGIA
Spazzolate i vostri capelli sempre e solo partendo dalle punte e preferibilmente quando bagnati. La struttura molecolare dei nostri capelli cambia quando sono bagnati, permettendovi di cambiare momentaneamente la forma dei capelli, rendendoli più malleabili.

Spero che questo articolo vi sia stato d'aiuto! Fatemi sapere qual'è il vostro metodo preferito dei tre e cosa fate per evitare i temutissimi nodi!
 
Copyright © Head Enough. Designed by OddThemes